Home > Antiquarium "Alda Levi" > Storia > I Capolavori

Stele di Urbicus gladiatore

Stele di Urbicus gladiatore
Appartenenza oggetto
Proprio
Categoria
stele funeraria
Città
Milano
Luogo di conservazione
Antiquarium "Alda Levi"
Inventario
CAT 2119788
Materia e tecnica
Stele centinata in marmo locale (Musso-Olgiasca) con rilievo nella parte superiore, incavata, e iscrizione fittamente incisa su un campo piatto filettato
Datazione
III secolo d.C.
Provenienza
Chiesa di Sant'Antonio "minore" (via Francesco Sforza e corso di Porta Romana)

Descrizione breve

E' un'epigrafe che racconta la storia di Urbicus, gladiatore che, dopo una intensa attività di gare con ben 13 incontri disputati, morì a soli 22 anni, lasciando una moglie e due figlie. Le informazioni relative alla sua vita sono tratte dal testo stesso dell'iscrizione anche se in alcuni punti risulta oscuro. Il testo recita: "(Monumento consacrato) agli Dei Mani. A Urbico, inseguitore di prima posizione, di origine fiorentino, che combattè tredici volte, visse ventidue anni; Olimpia (sua) figlia che lasciò a cinque mesi, e la figlia Fortune(n)se, e la moglie Lauricia (dedicano), al marito che ha ben meritato, con cui visse sette anni. Ti avverto, chiunque tu sia che uccidi che hai vinto. I suoi tifosi terranno viva la sua memoria". Urbico ha un nome solo e dunque probabilmente è uno schiavo come molti gladiatori, ma specifica la sua origine e la sua particolare qualità nel combattere. Egli è, infatti, un secutor, cioè un inseguitore, colui che nei combattimenti incalzava gli avversari; il suo armamento prevedeva una pesante veste corta, spada corta, grande scudo ricurvo e un solo parastinchi. Questa raffigurazione lo rappresenta con l'elmo appeso ad un palo, che forse è segno di "specialità" sportiva o di onore particolare e forse anche il cane veniva usato come arma d'attacco. La formula finale è di significato poco chiaro e forse indica che Urbico non ha ucciso chi ha vinto ed è stato ammazzato a sua volta a tradimento. La scrittura è minuta e compatta e contiene espressioni elaborate.

Bibliografia

L'anfiteatro di Milano e il suo quartiere. Percorso storico-archeologico nel suburbio occidentale, CERESA MORI A. (a cura di), Milano 2004.

La stele di Urbicus, FACCHINI G., in Schede del Civico Museo Archeologico di Milano, n. 28, Milano 1989.

Epigrafia anfiteatrale dell'Occidente romano. Vol. 2: Regiones Italiae VI-XI, GREGORI G.L., Roma 1989.

Il compianto per il gladiatore Urbicus, SARTORI A. in Milano capitale dell'Impero Romano: 286-402 d.C., Milano 1990, p. 140.

Vai alla ricerca